MR. goldOclock ALLA SCOPERTA DI MARATEA: LA “PERLA DEL TIRRENO” DAL FASCINO “NATURALE”

Per chi ha avuto modo di seguirmi durante le Giornate del Cinema Lucano, sà che la città di Maratea è stata sotto i riflettori all’evento più glamour dell’estate 2017. Come dimenticare le giornate trascorse in uno dei posti più incantevoli che abbia mai visto! Panorama mozzafiato per un set cinematografico tutto “naturale”. A distanza di quasi due mesi dal festival, vi racconto il mio viaggio di piacere nella natura incontaminata della città lucana.

MARATEA, LA “PERLA DEL TIRRENO”

Un lembo di terra montagnoso con tanti nuclei abitati (i borghi), che si estende per più di 30 km lungo la costa tirrenica, accompagnata dalle peculiarità artistiche e storiche: Maratea è tutto questo, tanto da essere riconosciuta come “la Perla del Tirreno”.

Gli stessi abitanti l’hanno definita un miracolo della natura o, ancora meglio, un grande dono di Dio; per me, che l’ho scelta come meta del mio viaggio all’insegna della magia, non posso che confermare tutto ciò.

Non credevo di poterci ritornare a distanza di così poco tempo ma la sua natura, fuori dalle logiche del progresso, mi ha totalmente stregato! Un trolley, la macchina fotografica, il mio immancabile cappello borsalino e tutto è pronto per “sbarcare” nella città lucana dal fascino quasi surreale.

Posata la mia valigia in albergo, decido di scendere subito in spiaggia, portando con me solo uno zainetto. Amo immortalare i momenti più belli con la mia macchina fotografica e mi onorava poter godere di quel paesaggio!

Difronte a cotanta bellezza, ho sin da subito sentito un tonfo al cuore e una gran confusione al cospetto di un’”opera d’arte” dalla straordinaria bellezza. Sindrome di Stendhal? Si forse, ma difronte allo spettacolo della natura.

IL NETTARE ATTAR TERENZI: GIOIELLO CHE INCANTA LA LUCANIA

Sentivo che era arrivato il momento di togliere dallo zaino il mio gioiello, quello che immortalato assieme al paesaggio avrebbe creato un’opera d’arte senza precedenti: una bottiglia di cristallo con all’interno il nettare Attar della collezione Luca collection Attar di Tiziana Terenzi. Questo nettare di essenza purissima, riporta alle origini antiche del profumo e della storia, dove tutto era “bello” per natura, senza artefici nè trucchi dettati dalla mano dell’uomo: un vero e proprio effluvio profumato dalla durata e dall’intensità insuperabile.

Da questa nuova categoria di profumo, nascono due essenze ispirate alle stelle più magiche Saiph https://www.goldoclock.com/it_it/saiph.html e Tabit https://www.goldoclock.com/it_it/saiph-2543.html.

Provenienti dalla costellazione di Orion, queste due nuove essenze si presentano incredibilmente charmant, ricche e “rigogliose”.

Sia in Saiph che in Tabit, il tema del viaggio è di tipo ispirazionale e mi piace pensare che anche voi, grazie a loro, potrete intraprendere un viaggio unico nei ricordi in un paese fatato, proprio come la città di Maratea.

Intanto prosegue il racconto e con questo gli scatti che mi riportano totalmente in un’altra dimensione. Il blu del mare e il verde delle foglie, fanno da cornice ad un paesaggio dalla bellezza silenziosa. Il mio desiderio di poter indossare il nettare contenuto in quel gioiello cresceva sempre più a tal punto da non poter più resistere! Con me avevo Saiph, l’Attar della luna Collection.

Lo indosso e sin da subito un profumo dall’accento poetico è pronto a pervadermi. Mi sento estasiato e “rapito” da tutta questa poesia: un mix di agrumi e petali di rose, accompagnati dall’effervescenza dell’ossigeno, che si alternano tra le melodie dolci dei frutti, rinforzato da legni preziosi e accompagnato dalla dolcezza della vaniglia, ambra e Musk. Questa è la magia di Saiph.

MEDITERRANEO: TRA SOGNO E REALTA’

Ed è arrivato il momento di tornare a casa. Questa volta nel mio trolley, oltre al nettare Attar Terenzi, porterò con me il ricordo che custodirò grazie ai sensi. E’ difficile spiegare il fascino di Maratea a chi non la conosce e soprattutto le sensazioni che l’olfatto, accompagnato dalla vista, sono stati in grado di farmi provare.

Ci sono tante Maratea, ognuna delle quali diversa ma con lo stesso “tasso di bellezza” delle altre. Io ho conosciuto una città che sà di mediterraneo, dove i promontori a picco sul mare creano figure uniche al mondo dalla sensualità fatta per rapire e sconvolgere; una città dall’attrazione quasi incontrollata che il sud dell’Italia, terra di sogni e speranza, emana da sempre.

Per chi desidera continuare a sentirsi protagonista di un viaggio che “affonda” nel mare dei sensi, i preziosi Attar possono essere declinati anche nella versione Extrait de Parfum, in grado di regalare il piacere di un uso più familiare di queste stelle meravigliose. A voi estimatori l’ardua sentenza!

Extrait de Parfum

Saiph e Tabit https://style.goldoclock.com/2017/07/22/saiph-tabit-tiziana-terenzi-nettari-stellari/

A chi ha avuto la capacità di farsi “intrappolare” completamente dall’incantesimo della “Perla del Tirreno”, auguro di poterci “atterrare” nel prossimo viaggio che deciderete di intraprendere: da soli o in compagnia, la città non potrà che suscitarvi i ricordi più reconditi, “stuzzicando” la memoria olfattiva di ognuno di voi.

Al prossimo viaggio olfattivo!